Le italiane in UEFA Futsal Cup: Luparense – (1a parte) Stagione 2007/2008 e 2008/2009

By
Updated: settembre 17, 2014
10570962_10203667824954860_1365575234_n

Il 2007 è l’anno del primo scudetto della Luparense e, quindi, del debutto nella massima competizione europea per club. I lupi veneti disputano il Main Round a Baku, in Azerbaijan, su quello che fu campo fatale per i cugini e rivali dell’Arzignano nel 2004. La squadra di Julio Velasco supera subito gli azeri di casa dell’Araz Naxçivan per 3-0 per poi incrementare il bottino con un calcistico 1-0 rifilato agli slovacchi dello SlovMatic Bratislava, già avversari un anno prima dell’Arzignano. La pratica qualificazione si chiude con l’8-0 ai moldavi del Camelot Chisinau, con la porta di Feller che rimane immacolata. Nel turno successivo si gioca al PalaFabris di Padova, davanti ai propri sostenitori. L’avvio è duro: 2-2 contro il Benfica con il doppio vantaggio firmato Montovanelli vanificato nella ripresa dagli acuti di Arnaldo e Ricardinho. La Luparense poi batte i montenegrini del Pljevlja per 5-1, con poker di Vampeta, ma Grana e soci non riuscivano a superare la Dinamo Mosca che invece era riuscita a piegare largamente il Benfica per 8-4. Il terzo match contro i russi terminava 2-2, con il rammarico di aver buttato al vento, ancora una volta, la situazione di doppio vantaggio firmata Honorio-Ottoni. Luparense imbattuta ma fuori dalla coppa. A sorpresa la UEFA Futsal Cup viene vinta dai siberiani dell’Ekaterinburg guidati dal tecnico Skorovich. La Luparense vince il suo secondo scudetto quindi torna in Europa con grandi propositi. Il Main Round si gioca a Gliwice, in Polonia. La pratica qualificazione si risolve con tre ampi successi: 8-0 ai lettoni del Nikars Riga, 3-1 ai serbi del Kragujevac e 6-2 ai padroni di casa del Nova Gliwice. Il turno successivo si gioca in terra siberiana, ad Ekaterinburg. I campioni d’Europa in carica, nel match contro gli uomini di Velasco, si impongono per 5-3. Si tratta della prima sconfitta in UEFA Futsal Cup per la squadra del presidente Zarattini. Non basteranno i successi contro gli ucraini dello Shakhtar Donetsk, per 3-2, e contro gli abituali avversari dello SlovMatic Bratislava, battuti 4-2 e per il terzo anno di fila ad incrociare la strada di una squadra italiana, infatti alla Final Four di Ekaterinburg accede solo la squadra russa. Il trofeo però verrà sollevato al cielo dall’Interviù di Madrid dei vari Luis Amado, Schumacher, Torras, Gabriel, Betão, Neto, Ortiz, Juanra, Bacaro, Borja e Daniel. La corazzata della “maquinha verde” batterà per 5-1, in finale, i padroni di casa dell’Ekaterinburg, giustizieri della Luparense.

Francesco Dell’Orco